venerdì 1 aprile 2016

Mario Vive e Lotta con Noi

Figlie della Serva e Mario
Nella vita di ciascuno c'è uno spartiacque, un momento in cui le cose cambiano, un attimo speciale, ma non tutti hanno la fortuna come noi Figlie della Serva di poter dare a questo momento un nome: Mario.

Quel giorno non era un giorno qualunque e Rita Porretto ne aveva percepito l'aura, quando la bilancia per una frazione di secondo aveva segnato 59,9Kg anziché 60Kg. “Forse un'allucinazione, forse l'ho sognato”, ha pensato o forse era solo il destino che avvisava... Purriatto, questo giorno non è come tutti gli altri.

Infatti alle quindici circa, un normale pomeriggio di Marzo si è trasformato nel più esilarante paio d'ore della nostra vita (quindi fermatevi a pensare che squallore viviamo quotidianamente).

Ad un certo punto su Twitter, un utente sconosciuto, noto solo come "Mario" esordisce con "puttane troie schifose". Porretto, da sempre non presente a sé stessa, siccome aveva appena messo un post denigratorio su Raffaella Carrà, ha pensato che i fans della Carrà, notoriamente aggressivi come i vegani crudisti e le sostenitrici della coppa mestruale, se la stessero prendendo con lei (true story) e telefona allarmata a Mericone, che invece aveva già capito tutto: "idiota, è il primo hater della nostra carriera, che non è mai iniziata, ma lui evidentemente non lo sa".

Nell'arco di qualche minuto siamo passate da "questa" realtà a "Misery non deve morire", con Mario che ci insultava a tuttotondo, senza risparmiarsi, perché in una scena de "Il Lago Nero" abbiamo fatto malmenare Dylan Dog. Luride, stronze, troie, ma soprattutto puttane. Se Mario sapesse che qui non si batte chiodo da anni magari avrebbe insistito su zitelle, sfigate o semplicemente cesse, invece no, lui galantemente ci attribuisce un'attività sessuale indiscriminata. Insomma, non sappiamo se prenderlo come un complimento o un suggerimento.

Nei giorni a venire il suo odio è in continua crescita come i serpenti del Faraone e iniziano le minacce di morte, per lo più rivolte a Silvia. Mario certamente non conosce Silvia e non sa che la sua capacità passivo-aggressiva raggiunge vette tali, che le basta pronunciare una qualunque parola conosciuta solo da lei, Platone e Fritz Lang e tutto intorno si mummifica.

Anyway... twitter, commenti sul blog, tutto pieno di insulti. Non pago di questo ci manda pure una sibillina mail che ci costa ore e ore di decifrazione: "andate a pulire i cessi, puttane". Se Mario, dolce Mario, sapesse che almeno una di noi due ha fatto (e saltuariamente fa ancora) proprio questo lavoro... pulire i cessi, davvero Mario hai creduto che il talento bastasse? Sei ingenuo, ingenuo e sognante, come Georgie che corre felice sui prati, ma soprattutto lucido come Grignani al concerto di Capodanno.

Purtroppo così come non può piovere per sempre, anche le cose belle finiscono e dopo tre giorni di offese e minacce di violenze varie tra cui la morte, ci siamo spaccate le balle, perché siamo donne e quindi non solo dolcemente complicate, ma anche volubili e umorali. E poi si avvicinava il periodo in cui lo Staff di Gasparri scriveva "chiesimo", e di fronte ad un'emergenza di questo tipo in cui finalmente Porretto trova qualcuno che scrive come lei, non potevamo occuparci ancora di Mario, che tuttavia ringraziamo per la ventata di ilarità che ha portato nella vita di due luride troie. Ad maiora.

 Figlie della Serva ©

Non perdere la breve cronistoria degli insulti di Mario documentati!

Cronistoria degli insulti su Twitter (scarica)
Cronistoria degli insulti sul Blog (scarica)
To be Continued...

15 commenti:

  1. AHAHAHHA!!! Grande Mario! Grandi Silvia e Rita!!!

    RispondiElimina
  2. Secondo me...MARIO non conosce il vostro tariffario "signore" e questo lo porta a comportarsi in siffatta maniera.
    Come sempre, simpaticamente e cordialmente vostra
    B.

    RispondiElimina
  3. Mario probabilmente è trevor/beone del forum di dylan dog, bannato a vita per aver insultato pesantemente Roberto recchioni, per la storia il cuore degli uomini, dove dylan viene torturato. E'fissato che dylan non deve subire o perlomeno deve rendere le botte subite. Per il resto era normale.


    http://www.cravenroad7.it/forum/viewtopic.php?f=8&t=9180

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Per il resto era normale" nella scala di normalità del padre di Foffo?

      Elimina
    2. AHahahahahahhah Giulia, grazie di esistere ahahahahaha

      Elimina
    3. Prego, lo faccio senza sforzo, a differenza di Mario

      Elimina
  4. Ah ma quindi Mario è proprio una celebrità dell'hating (e della psicosi anche), siamo affascinate dall'internet che genera simili creature.

    RispondiElimina
  5. Ah, ma è 'na cosa tipo Misery non deve morire allora *_*

    RispondiElimina
  6. Io bazzico CravenRoad ed in effetti avevo intuito che era la stessa persona,complimenti a Rita e Silvia per l'ironia :D

    RispondiElimina
  7. CravenRoad è un covo di folli, non fateci caso, basta vedere dogares e i suoi 1000 fake

    RispondiElimina
  8. Io ho letto la storia, dylan le prende, ma si libera da solo e alla fine batte larry a cazzotti. E risolve anche il caso. Non capisco perchè questo tipo si incazzi. Un altro paio di maniche sono le storie del Recchioni dove dylan effettivamente è un cretino che non combina niente, le prende e basta. Bella storia finale alla Chiaverotti.

    RispondiElimina
  9. Anche a me quella di Chiaverotti è piaciuta,certo un altro stile,ma sempre nella sfera del dylan dog che mi piace.Questo maxi per me è un gioiello,la storia di Silvia e Rita per me prende una pista a molte della serie regolare e meritava appunto la collana regolare.

    RispondiElimina
  10. ma al Robe se non metti 20 splash page e la storia non si legge in 10 minuti non è contento

    RispondiElimina
  11. Può anche essere dany, ma una storia come il Lago Nero forse senza il Robe non la leggevamo nè sul maxi nè sulla serie regolare,quindi pure con qualche riserva per via del maxi a me sta bene

    RispondiElimina

Non vi sprecate troppo a scrivere ciò che pensate, a nessuno importa davvero.

 

Figlie della Serva (tutti ridono tranne te) - Template by Ipietoon Cute Blog Design adattato da noi.
(*)Attenzione: avvertiamo i lettori che il colore rosa interno al blog è voluto.