sabato 7 maggio 2016

Dr.Morgue: autopsia di un fumetto

Dr.Morgue

In occasione dell'omonima festa,  il nostro pensiero va a chi ci ha reso madri, ossia donne pentite di esistere, con prolasso di muscoli addominali e perseguitate dai sensi di colpa.

Sono passati cinque anni dalla pubblicazione della mini-serie "Dr.Morgue", la nostra prima creatura editoriale (e a conti fatti anche l'ultima) per la Star Comics e dalla sua sospensione con l'uscita dello Speciale, i lettori continuano a chiederci se c'è speranza che torni in edicola, se lo rivedranno da qualche parte e via dicendo.

A loro e a tutti, abbiamo deciso di rispondere elencando solo alcune delle lungimiranti risposte (tutte tragicamente vere), che abbiamo ricevuto dall'editoria italiana (ma non solo) prima e dopo la pubblicazione della mini-serie. Del resto la definizione "figlie della serva" non è venuta a caso, ma ha motivo di esistere.

Alleghiamo a questo post anche il download della mini-storia "omaggio" di sei pagine, realizzata per un evento di Edizioni Arcadia e disegnata dalla bravissima Paola Camoriano nel 2014, così per stemperare.

Scarica Dr.Morgue "Nasconditi e Muori"
(se avete problemi di download scrivete a figliedellaserva@gmail.com)

Editori & Altro a cui è stato proposto Dr.Morgue prima della Star Comics:

"Non mi piace il protagonista malato, ma in fondo pure a Bonelli non piaceva Dylan Dog."
(Per malattia intende essere asperger, nda)

"Sì, okay, alla fine abbiamo questo riccone (Orson, nda) che si sballa con gli omicidi, ma non voglio essere troppo duro, questa storia non regge, il protagonista non ha mordente."

"Questo protagonista non mi dice nulla, è vuoto, non si capisce perché il lettore debba affezionarsi a uno così. E poi un noir ambientato a Montreal non può funzionare, un noir deve essere ambientato in città tipo Caracas. Mettete Caracas."

"I vostri progetti sono tutti belli, ma io devo far lavorare altri."

"Grazie."
(Editore italiano che riceve Dr.Morgue, dopo un anno e sei mesi risponde così... e basta)

Editori & Altro dopo la pubblicazione con la Star Comics:

"Se avete pubblicato con la Star Comics... è anche un po' merito mio... meriterei qualche soldino."
(Lo stesso per cui il protagonista era malato, nda)

"Questo fumetto è troppo classico per l'edicola, però come classico da edicola è troppo moderno."
(WTF?)

"Devo dire che il vostro protagonista non è affatto grazioso. Anzi, è davvero brutto e non è presentabile un eroe a fumetti che sia brutto esteticamente."

"Io sarei interessato ad una ristampa degli episodi in versione De Luxe, ci penso e vi dico, però ai disegnatori non va dato nulla, dividiamo solo io e voi autrici."
(A distanza di mesi ancora ci sta pensando…)

"Ma volete essere pagate? Quanto vi davano in Star Comics?"
(Editore di casa editrice che ha chiuso)

"A me non piacciono le donne che scrivono fumetti, non dovrebbero farlo."
(Famoso sceneggiatore italiano)

Dopo questa esilarante carrellata di comici inconsapevoli, vogliamo lanciare un sondaggio mondiale.

Secondo voi:
  1. Silvia e Rita sono due strumenti antropogenetici prodotti da una unità aliena, che trasformano gli editori (& altri) generalmente professionali e rispettosi in autentici stronzi.
  2. Silvia e Rita dovrebbero andare a pulire i cessi, come suggerisce Mario (se non sai chi è Mario, clikka qui)
  3. Silvia e Rita sono un po' stanchine.
Figlie della Serva ©

Nota: caro lettore, se questo post ti sembra un rosik, non ti stai sbagliando lo è... just for info, a forza di rosicare ci sono venuti i denti come le balene.

12 commenti:

  1. Più semplicemente dal 2005 il poi le serie tv si sono moltiplicate in qualita è offerta e i fumetti sono diventati obsoleti. Per non parlare dei videogiochi che sembrano film.

    RispondiElimina
  2. È come dire che il porno ha reso obsoleta la fica

    RispondiElimina
  3. http://www.today.it/donna/rocco-siffredi-porno-internet.html

    succede anche quello

    RispondiElimina
  4. Il commento di CravenRoad7 avrebbe meritato una vignetta e una sezione a parte intitolata "figlie e figli della serva ad honorem", ho riso molto, grazie XD

    RispondiElimina
  5. CravenRoad7 è il mio eroe del giorno <3

    RispondiElimina
  6. se per voi il fumetto è in crisi per altri motivi si può discuterne

    RispondiElimina
  7. E' un discorso complesso, Michele, sicuramente rispetto ad un ventennio fa (quando andavo a scuola, io per intenderci) il fumetto era una delle prime scelte per occupare il tempo libero. Io ancora ricordo la mia compagna di banco che comprava Dylan Dog, lo disegnava sul banco di scuola e mi faceva una testa tanta con questo Dylan, mentre io trovavo più interessante Schopenhauer e non capivo perchè non disegnasse Schopenhauer sul banco (vedi poi il karma). Attualmente i ragazzi scelgono altri genere e hanno un'offerta diversificata per riempire il tempo libero. Questo spiegone inutile per dirti che sì, hai in parte ragione, ma poi ci sono case editrici come la Bonelli che se continuano ad investire si vede che vendono e emergono dal panorama anche altri modi di vedere/fare fumetto, penso ad esempio alle produzioni della Bao o al fumetto documentaristico.

    RispondiElimina
  8. Io aggiungere anche alcune scelte disastrose in fatto di pubblicazioni, la Star Comics invece di puntare su fumetti di successo come Dr.Morgue o Valter Buio, ha investito soldi e mezzi su roba scadente come quella merdata di Turisti per caso oppure lo Chef Rubio... senza offesa per nessuno, ma nessuna crisi del fumetto giustifica le risposte di merda degli editori italiani che leggo nel post di Rita&Silvia, qui non c'entra la crisi, mancano proprio le basi del rispetto.

    RispondiElimina
  9. "mentre io trovavo più interessante Schopenhauer e non capivo perchè non disegnasse Schopenhauer sul banco"

    io però così non ce la posso fare...

    RispondiElimina
  10. Quoto in tutto PallasCat e dico pure che per me Dottor Morgue è l'esempio di come il talento e la genialità di un personaggio diverso dallo stereotipo contino zero, poteva essere una serie ongoing della Bonelli o della Starcomics, se quest'ultima non avesse avuto una guida totalmente ottusa con Gulli in testa per finire su tutti quelli che sono venuti dopo

    RispondiElimina
  11. Un grande personaggio come Dottor Morgue non viene pubblicato, mentre delle porcherie spacciate come "eventi epocali", trovano ampio spazio nelle edicole e in tutti i punti vendita...io proprio non capisco

    RispondiElimina

Non vi sprecate troppo a scrivere ciò che pensate, a nessuno importa davvero.

 

Figlie della Serva (tutti ridono tranne te) - Template by Ipietoon Cute Blog Design adattato da noi.
(*)Attenzione: avvertiamo i lettori che il colore rosa interno al blog è voluto.