lunedì 17 ottobre 2016

Giornata Mondiale della Povertà


Sentiamo che questo glorioso giorno ormai ci rappresenta molto più dell'8 Marzo.

Figlie della Serva ©

10 commenti:

  1. Una protagonista femminile di 35 anni che si tuffa nella piscina del talento e ne emerge purificata e consapevole che la vera ricchezza è essere abitata sempre da una storia diversa a me piace. Io l'avrei letta. Direi un tratto a la Francesca Ghermandi da Grenuord in poi. B/n. La protagonista con qualcosa di Emily Watson. Si metta a verbale che io ero dietro lo specchio truccato mentre l'Editore vi spiegava che eroina - nel senso di protagonista ndr - significa Lara Croft al tempo del ginnasio quando ancora qualcuno osava pronunciare un termine come ginnasio e che due energumeni mi hanno trascinato via mentre cercavo di frantumare il vetro con una sedia come in un video anni ottanta o in un telefilm di Eddie Shoestring. 35 è pure poco. Ho violato il vs pc e so che state pensando ad uno one shot su di una Fantomas amazzobne con il muso guerriero di Susi Camusso disegnata a la Todd McFarlane. Spero davvero che questa volta troviare l'Editore. Se quando siete a colloquio vi sentite in imbarazzo, lanciate una occhiata allo specchio e fate una boccaccia: io capirò.

    RispondiElimina
  2. Ho scritto davvero una protagonista femminile ? Che ne direbbe Froid ? E l'accademia della Crusca ? E Lapalisse ? Sorry.
    Una protagonista. Per forza femminile. A meno che si chiami Susy Kamusso e sia una wrestler cannibale famosa per le zuppe di carne che prepara dopo che l'ennesimo compagno si è dato senza lasciare traccia alcuna. Sorry. Prometto di non sbirciare altri vostri files...

    RispondiElimina
  3. Ci mancavi Crepa

    RispondiElimina
  4. Pensa la potenza evocativa che potrebbe avere una virgola su ciò che hai scritto Salviè...

    RispondiElimina
  5. La virgola è superata, il vero scrittore la pensa e il lettore la capisce, è un po' come vivere InSync

    RispondiElimina
  6. Anche un due punti prima di Crepa ed un punto esclamativo poi. Si atterra dalle parti della Glenn Close che bolliva i coniglietti. O della Sigourney che piallava gli alieni.

    RispondiElimina
  7. Il vero scrittore si alza dalla branda nel crepuscolo e continua a sognare Capote che bolla tutto quello scrivere sul rullo infilato nella macchina da scrivere di Kerouac come just typing ed esce in strada e monta sulla sua Cormacmccarthy modificata da uno degli angeli dell'inferno che hanno suonato HUnter Thompson come una zampogna e corre come un pipistrello in fuga dall'inferno inseguito da una pantera zuppa di cherosene in fiamme e sa perchè lo ha sempre saputo che non sarà mai uno scrittore istintivo che estrae la penna e spara fino a che non sarà in grado di scrivere Chuck Palahniuk in modo corretto al primo colpo solo estraendo la penna perchè nemmeno Chuck può farlo se dimentica di pescare il suo cognome in rete prima.

    RispondiElimina
  8. che sagome, peccato che non esiste più il fumetto umoristico(cattivik, geppo, braccio di ferro, lupo alberto ecc)avreste fatto faville. Esiste solo quel comunista del cazzo di zerocalcare che fa venire il latte. Perchè non presentate le vostre vignette a qualche quotidiano? Hanno preso pure quella che faceva la stefi

    RispondiElimina
  9. 35 anni vecchia? ma se in tv e al cinema è pieno di gente sopra i 40 e 50?

    RispondiElimina
  10. Dany che ti devo dire, gli editori di fumetti che incontriamo noi fanno a gara con le rocce calcaree in quanto ad argutezza, ci hanno davvero risposto così. E il massimo che "ci prendono" è... a calci nel culo.

    RispondiElimina

Non vi sprecate troppo a scrivere ciò che pensate, a nessuno importa davvero.

 

Figlie della Serva (tutti ridono tranne te) - Template by Ipietoon Cute Blog Design adattato da noi.
(*)Attenzione: avvertiamo i lettori che il colore rosa interno al blog è voluto.